Archivio : Pubblicazioni

Home»Archive by Category "Pubblicazioni"

“Muovere le merci, cambiare paradigma”, articolo della rivista Logistica Management

Muovere le merci, cambiare paradigma

È stato pubblicato a dicembre 2022, all’interno dello speciale dedicato all’intermodalità della rivista Logistica Management, l’articolo “Muovere le merci, cambiare paradigma”, scritto da Alessandro Filippoli e Giuseppe Galli di TRT. Focalizzandosi sulla crescente importanza del trasporto intermodale quale alternativa al “tutto strada”, viene fornita un’analisi di questa scelta evidenziandone vantaggi e criticità, anche alla luce delle scelte politiche a livello europeo e dello scenario competitivo nel mondo del trasporto delle merci. In particolare, oltre alla rilevanza strategica nell’ottica della sostenibilità, si enfatizza la necessità di compiere scelte lungimiranti che garantiscano resilienza operativa davanti ai cambiamenti tecnologici, normativi ed economici che ci attendono negli anni a venire.

Scarica l’articolo su questo link.

Studio sui New Mobility Patterns nelle Città Europee

New Mobility Patterns_coverTRT è lieta di annunciare la pubblicazione di un ampio studio sui nuovi modelli di mobilità, che descrive le scelte di mobilità dei cittadini europei e lo sviluppo del settore della logistica urbana in 16 città dell’UE. Lo studio, condotto per conto della Commissione Europea – DG MOVE, è stato realizzato per raccogliere dati approfonditi sulla mobilità dei passeggeri, sulla logistica urbana, sulla composizione delle flotte, sull’attività di trasporto e sui flussi di traffico negli Stati membri.

L’indagine sulla mobilità dei passeggeri ha mostrato che, in media, i cittadini dell’UE percorrono 27 km al giorno per una durata media di 80 minuti. Il mezzo di trasporto predominante nel 2021 è stata l’automobile, utilizzata per quasi la metà di tutti gli spostamenti. Escludendo gli spostamenti in auto, gli spostamenti a piedi sono il mezzo di trasporto più diffuso nella maggior parte dell’UE, con una notevole eccezione nei Paesi Bassi, dove la bicicletta è più diffusa. Le nuove forme di mobilità stanno guadagnando terreno: il ride-hailing (23%) e il ride-sharing (12%) attirano il maggior numero di utenti; tuttavia, il loro utilizzo è generalmente occasionale. I risultati dell’indagine sono stati influenzati dalla pandemia COVID-19, che ha modificato il comportamento di viaggio e limitato le opzioni di spostamento. Infatti, il 64% degli intervistati ha ritenuto che la pandemia abbia influito sulla propria mobilità.

Cambiamenti nei modelli di trasporto e mobilità innescati dalla pandemia di Covid-19: principali risultati di un’indagine in 20 città europee

transport policy

Un articolo firmato anche da esperti di TRT è stato pubblicato online dalla rivista Transport Policy. L’articolo è basato sui risultati di un’estesa indagine coordinata da TRT per conto del JRC Siviglia della Commissione Europea in 20 città di 11 Paesi europei nel secondo trimestre del 2021, che ha coinvolto un totale di 10.000 intervistati.  L’indagine ha esplorato i cambiamenti nei modelli di trasporto e mobilità innescati dalla pandemia di Covid-19, nonché le conseguenti aspettative dei cittadini riguardo alla politica dei trasporti pubblici e la pianificazione urbana. Le informazioni raccolte hanno riguardato la variazione della frequenza nell’uso di tecnologie risparmiatrici di spostamenti come il telelavoro e lo shopping online, rispetto al periodo pre-pandemia. Inoltre, è stata indagata anche la variazione della frequenza degli spostamenti, per motivo, modo di trasporto e destinazione. Utilizzando i dati dell’indagine come input, è stato applicato un Modello di Classificazione per spiegare il cambiamento nella scelta del modo di trasporto in funzione delle caratteristiche e delle preferenze degli intervistati. I risultati suggeriscono che i cambiamenti nei modelli di mobilità indotti dalla pandemia sono il risultato della combinazione del grado di restrizione della mobilità imposto in ogni città, dell’adozione di nuovi modelli di vita e di lavoro e di scelte individuali legate all’avversione al rischio.

Nuova guida per pianificazione del trasporto pubblico

planning for attractive public transport - Topic guideTRT ha appena pubblicato una nuova guida per pianificazione del trasporto pubblico (SUMP Topic Guide on Planning for Attractive Public Transport).

Rendere più attrattivo e resiliente il trasporto pubblico è una sfida che si può affrontare anche con l’aiuto dei Piani della Mobilità Urbana Sostenibile (PUMS).

I pianificatori devono superare un approccio da “business as usual”, se si vuole perseguire un tangibile trasferimento modale dai veicoli privati al trasporto pubblico.Questo è un passo necessario nella lotta alla riduzione delle emissioni e al riscaldamento globale.

Per supportare i pianificatori della mobilità urbana e gli operatori del trasporto pubblico in questo processo, questa guida tematica è stata sviluppata dal secondo Policy Support Group del progetto CIVITAS ELEVATE, con il coinvolgimento di cinque esperti (rappresentanti rispettivamente l’Associazione internazionale dei trasporti pubblici – UITP , la Federazione Europea dei Passeggeri – EPF, l’Università Tecnica di Berlino – TUB, la città di Gdynia e l’operatore dei trasporti di Gothenburg), il presidente del CIVITAS Policy Advisory Committee, TRT e 12 stakeholder del settore della mobilità urbana.

Il documento fornisce una guida sul trasporto pubblico nel processo di pianificazione e gestione della mobilità, con l’obiettivo finale di rendere il trasporto pubblico più attraente.

La guida fa parte di un compendio di linee guida europee per la redazione dei PUMS, che integra la seconda edizione rivista delle Linee guida SUMP.

Scarica la guida qui.

Indagine sui trasporti internazionali di merci – 2021

Banca Italia 2021Sintesi dell’indagine sui trasporti internazionali di merci condotta nel 2021 da TRT per conto della Banca d’Italia.

La pubblicazione riporta i principali risultati dell’indagine campionaria effettuata da TRT per Banca d’Italia a partire dal 1998 ai fini della compilazione della voce trasporti internazionali di merci della bilancia dei pagamenti. Nel 2021, sono stati intervistati circa 180 tra i principali operatori del trasporto internazionale e rilevate 5.500 spedizioni tipo, con lo scopo di stimare i noli unitari e le componenti dei costi accessori. Sono inoltre state stimate le quote di mercato dei vettori per nazionalità di residenza.

Secondo l’indagine relativa al 2021, l’incidenza dei costi di trasporto sul valore delle merci esportate e importate dall’Italia è salita per il secondo anno consecutivo, rispettivamente al 3,3 e al 4,9 per cento (da 3,1 e 4,3 nel 2020).

Nei trasporti marittimi si sono registrati rincari di entità eccezionale nel comparto container, in particolare nelle tratte provenienti dalla Cina e dagli altri paesi asiatici e in quelle all’esportazione verso il Nord America. I fattori prevalenti che hanno influenzato l’attività degli operatori appaiono le limitazioni dal lato dell’offerta (tra cui la difficoltà nel reperimento dei container e gli episodi di congestione nei porti) e gli squilibri geografici della domanda di carico, oltre ai prolungati effetti della pandemia. Nei trasporti terrestri i costi medi a tonnellata sono diminuiti nel settore ferroviario bulk, mentre sono aumentati nella ferrovia container e, in misura maggiore, nella strada, in relazione soprattutto alla crescita dei prezzi del carburante. Nel settore aereo, infine, i noli sono rimasti sui livelli storicamente elevati del 2020, quando erano cresciuti in misura molto marcata in relazione al drastico calo, legato alla pandemia, dei voli di linea.

Il forte incremento dei noli ha determinato un sensibile peggioramento del deficit dei trasporti mercantili nella bilancia dei pagamenti dell’Italia (-10,9 miliardi di euro, da -6,8 nel 2020), concentrato nel comparto navale.

Il progetto del modello di domanda di trasporto Rail Baltica è stato consegnato

logo M nera

Rail Baltica è un progetto di una linea ferroviaria che integra I paesi baltici nella rete ferroviaria europea collegando Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia e indirettamente anche la Finlandia. Si tratta di una linea ferroviaria completamente interoperabile di oltre 870 km di lunghezza, progettata per il trasporto di passeggeri e merci e che dovrebbe diventare operativa nel 2027.

Il progetto del modello di domanda di trasporto Rail Baltica, guidato da TRT, ha sviluppato e implementato un modello di trasporto multimodale per prevedere la domanda di passeggeri e merci per l’infrastruttura Rail Baltica fino all’anno 2056.

Linee Guida per la pianificazione della micromobilità nelle aree urbane

micromobility_guide

TRT ha appena pubblicato le Linee Guida per la pianificazione della micromobilità nelle aree urbane.

Questa Topic Guide fa parte della serie di linee guida europee per i Piani Urbani della Mobilità Sostenibile (PUMS), ed è ricompresa nel nuovo Urban Mobility Framework della Commissione europea. È il risultato del primo Policy Support Group (PSG) del progetto CIVITAS ELEVATE, guidato da TRT, con la partecipazione di 5 esperti di organizzazioni selezionate (TRL, ETSC, POLIS, la città di Parigi e la città di Helsinki), il presidente del CIVITAS Policy Advisory Committee (Città di Anversa), BUAS (Breda University of Applied Sciences) e tre osservatori facenti parte dei settori biciclette e monopattini elettrici.

TRT ha messo la sua ampia esperienza del settore in questa nuova Topic Guide e ha fornito nuove approfondimenti su come affrontare uno degli attuali trend di mobilità più controversi. La Topic Guide si concentra sul tema della micromobilità all’interno del processo di pianificazione e implementazione dei PUMS e fa parte di un compendio di linee giuda europee, a complemento della seconda edizione delle Linee Guida PUMS.

La Topic Guide propone esempi e raccomandazioni sull’integrazione della micromobilità nella pianificazione della mobilità urbana, con l’obiettivo di aiutare le città per un uso più sicuro dei dispositivi di micromobilità. Inoltre supporta la Commissione Europea nella realizzazione dell’Azione 22 della Strategia per una Mobilità Sostenibile e Intelligente. Il focus del documento è sui dispositivi condivisi di mobilità personale alimentati elettricamente, come i monopattini elettrici, e vengono fornite indicazioni su come gli utenti di questi veicoli interagiscono con gli utenti di biciclette (anche elettriche), nonché con i pedoni e gli altri utenti della strada.

Un’analisi del contesto normativo e delle politiche di sostegno a MaaS, nel nuovo numero di Smart City and Mobility Lab

Nell’edizione di MMYY di Smart City and Mobility Lab è stato pubblicato l’articolo “Mobility-as-a-Service: tra regole e raccomandazioni”. Sulla base dell’ampio lavoro di ricerca e dell’esperienza sul campo con i tre progetti pilota (Manchester, Budapest, Lussemburgo) sviluppati nell’ambito del progetto di ricerca europeo MaaS4EU, l’articolo esamina gli elementi normativi, tecnologici e di policy più rilevanti, che si ritengono possano incidere sulla crescita e lo sviluppo del mercato MaaS.

Leggi qui l’articolo.

Il trasporto merci alla prova del Covid-19

Nel numero di luglio/agosto 2021 de “Il Giornale della Logistica” è stato pubblicato l’articolo “Il trasporto merci alla prova del Covid-19”. Partendo dall’attività svolta da TRT per conto di Banca d’Italia, che permette un costante monitoraggio dell’andamento dei costi di trasporto internazionale delle merci, l’articolo propone una disamina dei trend che hanno caratterizzato il 2020, con focalizzazione per modo di trasporto: stradale, ferroviario, aereo, marittimo.

Leggi qui l’articolo.

 

 

 

 

Indagine sui trasporti internazionali di merci – 2020

Indagine sui trasporti Banca d'Italia

Sintesi dell’indagine sui trasporti internazionali di merci condotta nel 2020 da TRT per conto della Banca d’Italia.

La pubblicazione riporta i principali risultati dell’indagine campionaria effettuata da TRT per Banca d’Italia a partire dal 1998 ai fini della compilazione della voce trasporti internazionali di merci della bilancia dei pagamenti. Nel 2020, sono stati intervistati circa 210 tra i principali operatori del trasporto internazionale e rilevate 6.200 spedizioni tipo, con lo scopo di stimare i noli unitari e le componenti dei costi accessori. Sono inoltre state stimate le quote di mercato dei vettori per nazionalità di residenza.

Nel corso del 2020 l’incidenza dei costi di trasporto sul valore delle merci esportate e importate dall’Italia è nel complesso salita, interrompendo la tendenza alla diminuzione degli anni precedenti.

Il mondo dei trasporti ha subìto inevitabili conseguenze dettate dalla situazione di emergenza internazionale. Il settore aereo ha risentito in misura molto marcata del drastico calo dei voli di linea, le cui stive sono ampiamente utilizzate per il trasporto mercantile; il restringimento dell’offerta di carico si è riflesso in un forte aumento dei noli. Nei trasporti marittimi rincari di entità significativa si sono osservati nel comparto container, in quello ro-ro e nel bulk liquido. Nei trasporti terrestri i costi medi a tonnellata sono lievemente aumentati nel comparto ferroviario, mentre sono leggermente diminuiti in quello stradale.

Link alla pagina del progetto.

Scarica il report completo